Ospiti di festival di Øya | Oslo - città dei festival - Articoli - visitoslo.com

Ospiti di festival

Durante il festival di Øya tenutosi nel 2015 abbiamo fatto due chiacchiere con alcuni degli ospiti.

Magnus a Øya
Magnus a Øya
Photo: VisitOSLO/Eli Thoresen

Il patito di concerti

Magnus è di Oslo, ed è a Øya per la seconda volta. Tranquillamente seduto, aspetta che Courtney Barnett salga sul palco.

- Di solito cerco di vedermi tutti i concerti più interessanti ad Oslo, spiega Magnus.

- Oltre al festival di Øya, sono molto eccitato per ByLarm. C'è così tanto di nuovo da scoprire. Il festival è nascosto in tanti angoli nascosti della città.

- La lunga lista di musicisti presenti a Øya è tutta da scoprire. Di speciale c’è che tutti i concerti si svolgono in un unico parco. Il ciò significa che uno può sempre sedersi sul prato e godersi la vista nel caso uno avesse bisogno di una pausa.


Ida al Festival di Øya
Ida al Festival di Øya
Photo: VisitOSLO/Eli Thoresen

La ambientalista 

Ida, una tipica ragazza di Oslo, è a Øya per la quinta volta. Quest'anno ha comprato un biglietto anche per il suo ragazzo, in modo che anche lui possa godersi il festival.

- È fortissimo come il festival sia situato così in centro a Oslo. A dire il vero, non so se ci sarei venuta fosse stato fuori città. Qui, dopo il festival, posso semplicemente andare a casa a piedi.

- Di solito vado alla Giornata Nazionale della Musica, dice, riferendosi alla manifestazione annuale che offre concerti gratuiti in giro per la città. 

Ida apprezza il fatto che Øya abbia un ottimo profilo ambientale:

- Per mia sorella, che è vegana, la varietà di cibo è perfetta! Inoltre, ci sono cestini per il riciclaggio ovunque, e i rappresentanti dell'organizzazione ambientale Natur og Ungdom sono visibili dappertutto. C’e pure chi separa i rifiuti!


Rune e Camilla al festival di Øya
Rune e Camilla al festival di Øya
Photo: VisitOSLO/Eli Thoresen

I veterani del festival

Camilla e Rune, di Oslo, sono a Øya rispettivamente per la 15° e 12° volta, e pensano di essere fortunati ad avere un festival del genere nella loro città.

- Sono anni ed anni che veniamo, e non ci ha mai deluso. Qui si può ballare, bere birra ed incontrare un sacco di persone interessanti.

- Il festival ha un'atmosfera speciale che faccio fatica a spiegare, racconta Camilla. C’è una generosità e cortesia unica. 

Camilla e Rune cercando di godersi il più possibile dei festival a Oslo.

- Ogni anno cerchiamo di andare al festival del Jazz, ByLarm ed Ultima ... L'anno scorso siamo stati anche a un festival punk molto bello nella Gamlebyen.

Il ricordo più pertinente: quando un anno incominciò di colpo a grandinare. A Øya, in altre parole può succedere di tutto. Camilla racconta come quell’anno è andata anche a un concerto notturno dopo il festival, un’esperienza davvero magica.

- E 'stato un vero e proprio concerto underground – quasi come in un film!


Kanutte e Susanna al festival di Øya
Kanutte e Susanna al festival di Øya
Photo: VisitOSLO/Eli Thoresen

La famiglia 

Susanna si è portata dietro la figlia Kanutte di 3 anni al festival di Øya. Sono all’interno della tenda, che funge da biblioteca, a leggere un libro mentre Kanutte si fa dipingere il viso.

La famiglia vive a Oslo, e Kanutte è spesso insieme a mamma e papà ai festival. L'ultima volta è stata un paio di settimane fa al Gut Feelings festival.

- Lei ama ballare con la musica e farsi dipingere la faccia, spiega mamma Susanna.

- Questo è molto più divertente che stare all'asilo, dice Kanutte.

Mamma Susanna è a Øya per la quarta volta, e pensa che il festival, e Oslo in generale, sappiano organizzare attività adatte per persone di tutte le età. Il fatto che il festival sia in città, è un grande vantaggio.

- Il bello è che possiamo andare dritti a casa quando Kanutte è stanca. Eventualemente farci un pisolino durante il festival.


Tor Inge al Festival di Øya
Tor Inge al Festival di Øya
Photo: VisitOSLO/Eli Thoresen

Il novizio

Tor Inge si è appena trasferito a Oslo dopo molti anni a Londra. Questa è la sua prima volta a Øya, sono anni che ha voglia di esserci.

Tor Inge è più che sodisfatto con il festival:

- C’è un’atmosfera ed un umore incredibilmente buono, e ottima gente. Se uno non ha voglia di correre da un concerto all'altro basta bersi una birra seduti sul prato per esempio.

Festival in programma

Consulta il nostro Calendario festival
Visitoslo.com uses cookies

for statistics etc. By using the site, you consent to our use of cookies. Read more.

Close