Vulkan - quartiere verde a Oslo

Una città per il futuro

Siete pronti a scoprire una città piena di quartieri sostenibili, strade senza auto e ristoranti gourmet biologici? Benvenuti nella Capitale verde d’Europa 2019!

Sviluppo urbano sostenibile

 

Oslo è una delle capitali europee con la più rapida crescita. Negli ultimi decenni la città è stata caratterizzata da importanti progetti di costruzione. La sostenibilità è stata un principio base per molti di questi progetti.

 

Il nuovo quartiere Vulkan, costruito sulla vecchia area industriale dell’Akerselva, è una vetrina sulla pianificazione urbana con rispetto per l’ambiente. Il desiderio degli sviluppatori di creare un distretto ad alta efficienza energetica ha portato a una centrale energetica locale di tipo geotermico, edifici con facciate di pannelli solari e due alberghi che riciclano energia dai frigoriferi e ascensori.

Foodtruck in the Vulkan neighbourhood
Foodtruck in the Vulkan neighbourhood
Photo: VisitOSLO/Didrick Stenersen


Gli urbanisti di Oslo si sono anche occupati della natura selvaggia della città e hanno provveduto a un riutilizzo intelligente laddove possibile. Quando venne costruita l'area di Tjuvholmen, accanto al fiordo di Oslo, i piani di costruzione inclusero scogliere artificiali sottomarine con zone protette per pesci e molluschi. A Sørenga, un altro quartiere nuovo di Oslo, il ponte di Sørenga, precedentemente molto trafficato, è stato trasformato in un'area libera con vista - un buon esempio di riuso di vecchie strutture in un quartiere moderno.

 

I nuovi spettacolari edifici che sorgeranno nel centro della città, il nuovo museo di Munch, la nuova biblioteca Deichman, e il nuovo museo Nazionale sono tutti costruiti in maniera sostenibile. Una volta in servizio, gli edifici creeranno una modesta impronta di carbonio.

 

Città senza auto

 

I politici di Oslo svolgono un ruolo importante nella trasformazione verde della città. Attraverso l'iniziativa Bilfritt byliv, il comune di Oslo ha rimosso parcheggi e limitato il traffico per offrire più spazio a biciclette, panchine, polmoni verdi, feste in strada e altre cose che rendono le persone più felici e l'aria più pulita.

Marisa Ferreira: Shall we dance?
Marisa Ferreira: Shall we dance?
Photo: VisitOSLO/Didrick Stenersen

Zone precedentemente dedicate alle auto sono state trasformate in nuove ed originali modi. Passando per la fortezza di Akershus, ad esempio, vedrete (e sentirete) un dispositivo alquanto strano. È un vecchio distributore automatico di biglietti per il parcheggio trasformato in un altoparlante WIFI, dove potrete suonare la vostra musica e ballare in strada su quello che a un tempo era un parcheggio.

 

Imprenditori “verdi”

Oltre alla grande promessa degli urbanisti e dei politici, Oslo è piena di piccoli progetti e aziende che fanno sforzi importanti per rendere Oslo una città sostenibile.

Non lontano dalla stazione centrale di Oslo si trova il Losæter, un grande cantiere cittadino e il luogo di lavoro della prima fattoria urbana di Oslo. Un po’ più a est, il cosiddetto Landbruksskvartalet (quartiere dell’agricoltura) sta per prendere forma, pieno di interessanti progetti sostenibili nel settore alimentare, ambientale, sviluppo urbano, tecnologico, culturale e musicale. Molte altre iniziative di questo tipo emergeranno nei prossimi anni.

Losæter urban farm at Sørenga
Losæter urban farm at Sørenga
Photo: Visit Oslo Region/Didrick Stenersen

Abbiamo naturalmente ristoranti come il Maaemo, che serve pasti gastronomici di livello internazionale basati su prodotti locali e biologici. Consultate la nostra guida "verde” a Oslo per scoprire più ristoranti biologici e altri suggerimenti su come pianificare il vostro soggiorno “verde” a Oslo.

Lo sapevate…

... che l'aeroporto di Oslo è uno degli aeroporti più “verdi” del mondo?
Il nuovo terminal dell'aeroporto è il primo edificio aeroportuale al mondo che ha ricevuto il punteggio”eccellente" sull’indice BREEAM. Oltre ad essere costruito con materiali rispettosi dell'ambiente, l'edificio offre soluzioni meravigliose come la raccolta e lo stoccaggio di neve in un deposito, per poi essere riutilizzato per il raffreddamento del terminal in estate.

Young traveller at the Oslo Airport
Young traveller at the Oslo Airport
Photo: OSL/Nordic Office of Architecture

... che il più grande festival musicale di Oslo, Øya, è uno dei festival più “verdi” del mondo?
Il festival di Øya è in cima alla classifica di A Greener Festival, che include i festival più sostenibili. L’attenzione data dagli organizzatori del festival al verde, si manifesta in tutto, dalla gestione dei rifiuti, al trasporto, alle offerte di cibo fino alla scelta della carta igienica.

Hammocks at the Øya music festival
Hammocks at the Øya music festival
Photo: Visitosloregion/Didrick Stenersen


... che Oslo ha realizzato la prima "ape-autostrada" al mondo per api in via di estinzione?
La cosiddetta autostrada, una percorso che passa per cimiteri fioriti, terrazze, parchi e balconi, fornirà ai piccoli impollinatori un passaggio sicuro attraverso la città.

Urban beekeepers in Barcode
Urban beekeepers in Barcode
Photo: VisitOSLO/Didrick Stenersen



Cosa significa essere la Capitale verde d’Europa?

La Capitale verde d’Europa viene eletta annualmente dalla Commissione europea, che assegna il premio a una città che ha raggiunto elevati standard ambientali nel tempo, oltre a essersi impegnata a obiettivi ambiziosi per un ulteriore miglioramento ambientale e uno sviluppo sostenibile, e che possa fungere da modello che ispiri altre città europee in futuro.

European Green Capital winner 2019
European Green Capital winner 2019
Photo: European Commission
Visitoslo.com uses cookies

for statistics etc. By using the site, you consent to our use of cookies. Read more.

Close